COSA SONO GLI UFO - CHI SONO I GRIGI E PERCHE' SONO QUI

 

 

Da sempre chi si occupa di UFO ed extraterrestri si pone la domanda da dove arrivino questi oggetti non identificati, molte volte comprendenti avvistamenti dei cosiddetti grigi. Che gli UFO siano una realtà è ormai assodato, in quanto gli avvistamenti nel mondo sono migliaia, sin dai primi anni del secolo scorso. Sappiamo con certezza che questi visitatori non possono arrivare dal nostro sistema solare, in quanto accertato che le condizioni per la vita sugli altri pianeti del nostro sistema, sono impossibili. Si pensa che possano provenire da un altro sistema solare della nostra galassia, oppure da galassie che non sono la via lattea. Ma queste ultime ipotesi, quasi con certezza non possono essere vere, in quanto la distanza da percorrere è talmente grande, che nessun essere vivente esistente sarebbe in grado di compiere un viaggio di tali proporzioni, dove si parla di centinaia di anni luce di distanza. Inoltre si ritiene non possibile che questi alieni dispongano di tali mezzi di trasporto da poter percorrere distanze simili.

L'unica possibilità che questi alieni provengano da distanze simili, è che dispongano di un mezzo di trasporto che viaggia con motore a curvatura, creando una curva spazio/tempo nell'universo, in grado di percorrere distanze incredibili in un istante. Questa è l'unica possibilità per la quale gli UFO potrebbero arrivare da noi.

 

Ma esiste anche un'altra ipotesi, che secondo noi è la più probabile.

 

Nickolay Lamm è da sempre affascinato dall’incrocio tra tecnologia e arte. Ha studiato al College of Business Administration dell’Università di Pittsburgh, ha una passione per il design e le illustrazioni e sogna una start up che cambi il mondo. Alan Kwan è ricercatore in genomica computazionale alla Washington University e ha alle spalle una formazione genetica. Insieme hanno ipotizzato come potremmo diventare tra 100 mila anni, ricostruendo le parti del nostro viso che cambieranno maggiormente e spiegandone i motivi. Ecco la rappresentazione dei figli dei figli dei nostri figli, di quelli che abiteranno il nostro pianeta tra 100 mila anni e si dovranno adattare a condizioni per noi nemmeno immaginabili: scaturito dall’abilità grafica e dalle conoscenze genetiche di due menti geniali.

 ESCAPE='HTML'

Come potete vedere, il nostro volto tra 100 mila anni avrà il cranio più ampio per contenere un cervello sempre più grande, ma a colpire maggiormente sono questi due grandissimi occhi. Come vedete il colore degli occhi esiste ancora come noi lo conosciamo, in questo caso sono occhi verdi, ma col passare di ulteriori centinaia di migliaia di anni, le cose cambieranno. Infatti con l'evoluzione umana, la nostra vista sarà sempre più precisa e soprattutto ampia, il che porterà ad un ingrandimento della pupilla sempre maggiore, arrivando a far diventare l'occhio visibile dall'esterno, sempre più grande e soprattutto sempre più nero, sino a rendere l'occhio completamente nero. Questa analisi senza dubbio vi sta ricordando qualcosa, e possiamo dirvi che siete sulla buona strada. Abbiamo visto la foto di come saremo tra 100 mila anni, ma vi siete mai chiesti di come saremo tra 1 milione di anni? Considerando che con l'evoluzione l'uomo andrà sempre più col perdere il pelo, si arriverà ad un essere umano completamente glabro, con occhi grandissimi e completamente neri. Il colore della pelle sarà sempre più chiaro, in tutto il pianeta, le labbra diventeranno più sottili anche nei paesi dove si tende ad avere labbra carnose, diventando tutti con labbra molto sottili. Tutto questo ci fa ricordare senza ombra di dubbio il soggetto che potete vedere nella seguente foto.

 ESCAPE='HTML'

Ecco a voi l'essere umano tra un milione di anni. E questo ci spiega molte cose. Come sicuramente avrete intuito, gli UFO ed extraterrestri non sono altro che i nostri discendenti tra un milione di anni, i quali essendo arrivati ad una tecnologia di livello spaventoso, possono fare viaggi nel tempo tramite wormhole, cioè buchi spazio temporali che consentono di viaggiare nel tempo. Il motivo delle loro visite potrebbe essere quello di analizzare la propria evoluzione un milione di anni prima che loro nascessero, e soprattutto quello di rimediare a danni dell'uomo in questa nostra epoca, danni che potrebbero causare un cambiamento della stessa atmosfera terrestre, col rischio di compromettere anche la loro linea temporale.

 

Gli UFO, gli extraterrestri, i cosiddetti grigi, siamo noi.

 

 

Fabio Cattaneo